Travel Notes

Quando ho chiesto a Enrico di raccontarmi di uno dei suoi viaggi recenti, magari della volta in cui e’ stato in Giappone o in Russia, lui non ha avuto dubbi su quale scegliere. Enrico ha visitato la Russia per la prima volta quando era solo uno studente e, qualche anno dopo, nel 2014, ha deciso di trasferirsi li’ per qualche mese.

“Per quanto il Giappone sia bello, la Russia e soprattutto Mosca hanno tutto un altro valore per me, più intimo per un sacco di motivi. Aver vissuto lì per qualche mese me l’ha fatta amare anche di più rispetto a una già importante impressione avuta da turista/studente  qualche anno prima.

Nel corso degli anni l’ho vista cambiare, diventare una metropoli occidentale, lontana dall’anima sovietica che comunque cerca di resistere sotto pelle. Ecco, questa è la sensazione che mi trasmette la Piazza Rossa che ricordo aver visto per la prima volta all’alba, deserta.

Le mura del Cremlino e San Basilio, per quanto meta turistica per eccellenza, mantengono secondo me quell’anima antica della Russia, tra il sovietico e il sacro ortodosso, due valori che il popolo ha interiorizzato per la sua storia e che tramandano una tradizione e un senso di appartenenza popolari trasmessi tramite quella imponenza, quella forza muscolare, quella suggestione che da sempre la Russia ha cercato di vantare come orgoglio e che rivive nella piazza.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: